Chi siamo
Il metodo
Come ha avuto inizio
I volontari
Testimonial

 Alla luce dei fatti che ci hanno visti implicati di riflesso con tanto di nome e
cognome, su tutti i giornali e telegiornali, mi sento di esprimere questo vecchio detto
popolare:
"IL SIGNORE LASCIA FARE MA NON STRAFARE".
Certo è stato un periodo dove le ferite e le delusioni hanno sovrabbondato...
insieme a menzogne oltre che ridicole anche verificabili nella loro inconsistenza!!!
Per quanto combatti quotidianamente e intensamente per salvare molte
vite, quando poi le vedi abbandonare improvvisamente tutti i valori e rientrare in
schemi di vita falsi e rispondenti alla vecchia giungla quotidiana, crea molto
dispiacere!
Tuttavia poi vedi un bel gruppo di giovani che, pur con le loro fatiche,
cercano di farcela e sono pieni/e di speranza nel tentativo di raggiungere
l'obbiettivo della risalita liberando, cammino facendo le loro potenzialità
migliori, allora capisci che ne vale la pena!!
La droga e ogni dipendenza scava nel cuore dell'uomo enormi vuoti tali da
renderlo incapace di NON FARSI DEL MALE, ma chi crede ostinatamente e
caparbiamente nella speranza si assume con coraggio il ruolo di stimolo, di
provocazione e nello stesso tempo di proposte concrete di valori autentici e capaci di
alimentare, nel cuore svuotato di questi soggetti, il lievito della corresponsabilità nel
raggiungere l'obbiettivo della riabilitazione.
La fede è risorsa di primaria importanza che troppo spesso è trascurata da
tutti, solo accettando di curare l'anima e di aderirvi profondamente si raggiunge
la completa e totale riabilitazione.
Ciò implica un forte contrasto psicologico/umano tra lo squallore precedente e
le nuove modalità di vita.
Lavorare, pulire i propri spazi interiori ed esteriori...niente droga, alcool ma solo
relazioni sane e sincere.
NON E' FACILE MA POSSIBILE!!!

Sr. Rosalina

Le famiglie
Suor Rosalina
Lettera di Sr.Rosalina
Alcuni dati
 

Petizione di sostegno

Pagina Facebook

 
Site Map